fbpx

GALEOTTA FU L’ACCADEMIA NAZIONALE DEL CINEMA
Ricordo ancora il momento preciso in cui misi piede a Bologna, era il settembre del 2012. Avevo accettato la proposta di due miei colleghi di sostituirli per la durata di un film che entrambi si accingevano a fare, insegnando al loro posto all’ Accademia Nazionale del Cinema, una cosa temporanea, poi la mia vita sarebbe tornata quella di sempre. Appunto. Io non ero soddisfatta della mia vita, avevo già apportato dei cambiamenti importanti, ma non era abbastanza, volevo di più. Vi è mai successo di volere fortemente qualcosa, e all’improvviso quel qualcosa vi prende e vi porta via? Ecco proprio quel che è successo a me, durante tutti i 7 anni a venire.

La campagnola va in città

....cose che mai penseresti si avverino.....

TODI-BOLOGNA ….. BOLOGNA-TODI
Quel giorno ancora non potevo immaginare che da li a 7 anni dopo Bologna sarebbe diventata la mia città. La vita è strana. Di fatto io piacqui all’Accademia e l’Accademia piacque a me, e quando mi proposero di rimanere per sempre dissi si. Mi ero trasferita da soli due anni in Umbria, in piena campagna, e questo intermezzo settimanale in pieno centro, è stato il giusto equilibrio tra solitudine e caos, tra tradizione e progresso, tra pace e stimoli. Quel preciso momento in cui poggiai il mio piede fuori dal taxi fu importante, ne sento ancora l’emozione, all’epoca non potevo immaginare che sarebbe stato il secondo step di un cambiamento radicale della mia vita. Io avevo innescato la miccia due anni prima, e Bologna insieme a Todi sono state il filo conduttore che per tutti questi anni mi hanno portata ad essere la Laura di oggi.

MAI DIRE MAI
Sapete, credo che tutti noi dentro sentiamo quella vocina che ci dice quello che non va, quello che non ci piace, quello che potrebbe essere, ma per natura siamo portati a difendere quello che abbiamo, a non spostare una virgola di quel che siamo, perché ciò rappresenta comunque tante difficoltà, e dolore, e sacrificio e onestà di analisi. Difficile, senza dubbio. Ma di sicuro quel che mi sento di dire oggi, è MAI DIRE MAI. Mai dire io non sarò Mai in quel modo, io non farò Mai quella cosa, io non amerò Mai quella persona, io non andrò Mai in quel paese, io non accetterò Mai quel lavoro. Pensate, mi ero appena trasferita in Umbria dopo aver vissuto tutta la vita a Roma, avevo messo tutti i miei risparmi nella ristrutturazione di un casa enorme, per rimanerci per sempre(credevo!) secondo voi se qualcuno mi avesse detto anni addietro tu insegnerai make-up e verrai a vivere qui a Bologna e per di più nel mezzo del caos del centro, io li avrei presi per pazzi!

Perciò lo volete un consiglio? Prima di dire MAI, rifletteteci su per benino, perché la vita è imprevedibile, e per questo bellissima. Certo ci fa faticare, ci fa sudare, ci fa sentire infelici e poco comodi, ma se iniziamo a dar retta alla vocina un po’ di più, a quel richiamo primordiale e spesso così saggio come solo la natura può essere, forse potremmo essere più fedeli alla nostra indole, ed essere magari più felici. Vi auguro di trovare la vostra vera isola felice, sia essa un luogo, una persona o uno stato d’animo.

Non abbiate paura, perché ne vale la pena!

 

9 + 3 =